Elogio all'ulivo; non solo olio

ELOGIO DELL’ULIVO: NON SOLO OLIO

Abbiamo trascorso una soleggiata giornata di metà novembre in uliveto. Nel periodo della raccolta dei meravigliosi frutti dell’ulivo ne abbiamo fatto un elogio, raccontando le virtù terapeutiche e le proprietà con la naturopata Anna Fila Robattino.

Abbiamo iniziato scoprendo quali erbe spontanee vi crescono, non tutte commestibili anzi, occorre sempre fare molta attenzione a quelle tossiche. Non improvvisare mai di consumare erbe che non conosci bene.

L’olivo cresce molto lentamente fino all’altezza di 3-12 metri a seconda delle condizioni in cui si trova, L’olivo è molto resistente e cresce bene anche i terreno rocciosi. Può resistere a venti forti ed anche a lunghi periodi di sicittà. L’olivo vive in media 300-600 anni ma ci sono stati esemplari vissuti fino a 2000 anni.

L’olivo è anche un simbolo di pace in tutto il mondo. Le foglie sono sempreverdi.

Nei primi giochi olimpici di cui abbiamo testimonianza che si tennero in grecia nel 776 a.c., il vincitore riceveva una corona di foglie di ulivo al suo ritorno a casa da eroe

Sull’olio si potrebbe scrivere per ore. Anche dalle foglie (circa 20 foglie fresche o secche) si può ricavare una tisana utile per controllare gli sbalzi di pressione (anche quelli che provocano le fastidiose caldane). Per mitigare il sapore amarognolo, aggiungere un bastoncino di cannella e semi di finocchio oppure anice.

Le olive, accompagnate a fette di buon pane casereccio, un tempo costituivano un alimento molto comune per chi abitava nelle nostre campagne.

La purea è un ottimo condimento per riso, pasta e tartine mentre le olive conservate in salamoia si accompagnano ad aperitivi, rendono piiù gustose le insalate e molti piatti della cucina ligure.

La raccolta inizia ad ottobre e si prolunga a volte fino a gennaio- febbraio a seconda della varietà e delle condizioni climatiche.

Le olive fresche sono amare. Per renderle commestibili, bisogna lasciarle macerare in una soluzione alcalina per 12 ore e poi deve seguire un accurato lavaggio in acqua corrente.

Prepariamo insieme una delle ricette assaggiate oggi, ma solo dopo averti invitato al prossimo evento in cui realizzeremo insieme alcuni oleoliti e l’estratto del prezioso fiore dell’ulivo.

La ricetta del pane alle olive

INGREDIENTI:

E’ semplice da preparare. Si può anche evitare tutta la parte dell’impasto se si acquista la pasta da pane pronta dal proprio panettiere.
  • 600 gr di farina
  • 20 gr di olio extra vergine di oliva
  • 20 gr di lievito di birra
  • acqua q.b.
  • un cucchiaino di sale
  • 150 gr olive verdi denocciolate

PREPARAZIONE

Impastare farina, acqua e olio, unire il lievito ed infine il sale.

Tagliare a fettine o almeno a metà le olive. Incorporarle e lavorare a lungo l’impasto.

Dargli la forma desiderata o dividerlo in panetti.

Far riposare per 30 minuti a temperatura ambiente, tenendolo coperto da un telo. Il tempo di lievitazione deve aumentare in caso di utilizzo di lievito madre.

Porre in forno preriscaldato a 200°.

Il tempo di lievitazione varia a seconda delle dimensioni: una pagnotta circa 40-50 minuti; panini più piccoli 20-30 minuti.

Contattami per altre idee o scopri i prossimi eventi https://acasadigiulia.me/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Apri la chat
Chatta con Giulia
Scan the code
Ciao, sono Giulia, posso aiutarti?